Staccioli Mauro

NOTA BIOGRAFICA 
Mauro Staccioli nasce a Volterra (Pisa) nel 1937 e si diploma presso il locale Istituto Statale d'Arte nel 1954. La sua attività artistica, iniziata a partire dai primi anni ‘60, è stata sempre saldamente intrecciata a quella didattica ed a quella di intellettuale militante, impegnato ad analizzare il nesso problematico fra arte e società.  Partito dalla pittura e dell'incisione, dal 1968 si concentra sulla scultura, arrivando a formulare la sua personale concezione ambientale dell'opera, chiamata ad interagire con lo spazio fisico al quale è destinata, e  per il quale è stata pensata, come dimostrano le grandi installazioni in ferro e poi in cemento realizzate nel corso degli anni ‘70 a Milano (Galleria Toninelli), Volterra (negli spazi pubblici della città), a Grenoble (Maison de la Culture), a Parma (Piazza della Steccata) ed infine a Venezia (Biennale, edizioni XXXVII e XXXVIII).    
 Gli anni ‘80 vedono la consacrazione di Staccioli come artista di levatura internazionale: prima in Germania (Stadtische Galerie, Regensburg), poi in Gran Bretagna (Hayward Gallery, Londra), in Israele (Tel Hai College, Tel Hai), in Francia (ELAC, Lione) e negli Stati Uniti (Amherst, Massachusetts, University Gallery). Le grandi installazioni realizzate in questi luoghi inaugurano una nuova fase della ricerca artistica di Staccioli, che tende a mitigare l’aggressività degli esordi, orientandosi verso una più ardita concezione progettuale, intesa a sfidare gli equilibri statici dell'opera e le armonie architettoniche o naturali del contesto.                                                                                                                                                                                               Fra la fine degli anni ’80 e l'inizio degli anni ’90 l’artista lavora sempre più spesso all'estero, soggiornando a  lungo soprattutto in California ed in Corea del Sud. Nel 1987 il Museum of Contemporary Arts di La Jolla, San Diego, gli dedica la prima personale americana, seguita da un'importante commissione da parte della Djerassi Foundation : nove grandi sculture da collocare nel parco della fondazione a Woodside (California). Nello stesso anno è chiamato a Seul con l'incarico di realizzare una scultura permanente per il parco olimpico, e da qui inizia anche un'attiva frequentazione della Corea del Sud per conferenze nelle università, nuove installazioni, come quella realizzata al Contemporary Art Musem di Kwachon-Seul nel 1990. Sempre nell’’87 il Comune di Milano gli dedica la prima importante personale in Italia, alla Rotonda della Besana.                                                                                                                                 Negli anni ‘90 l’artista continua a sperimentare nuove forme: tra le realizzazioni più significative, l'installazione per il Symposium Internazionale di Scultura di Andorra, per il quale realizza un grande cerchio in acciaio rosso alto 12 metri; due grandi sculture per il rinnovato Contemporary Art Museum di San Diego (1996); il celebre Equilibrio sospeso al Rond Point de l’Europe a Bruxelles (1998).
Negli ultimi anni sono numerose le grandi installazioni realizzate, sia in Italia che all’estero, tra cui il Lapiz Building a La Jolla (San Diego 2003), a Taiwan (2003), a Puerto Rico (2004), a Voisins-le-Bretonneux (Francia 2008), a Greve in Chianti  (2009) e Impruneta (2009),  a Roma, di fronte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna (2011).  La grande mostra Mauro Staccioli. Volterra 1972-2009 - Luoghi d’Esperienza, inaugurata a Volterra nel settembre 2009, ha ricevuto una medaglia di riconoscimento da parte dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano: oltre a disegni, piccole sculture e fotografie, 19 grandiose sculture ambientali nella città di Volterra e in tutto il suo territorio; molte di esse, ideate per l'occasione, sono tuttora installate, a formare una sorta di immenso  parco di sculture al’aperto. E’ inaugurata nel 2010  la  monumentale  Piramide – 38° parallelo (circa 30 metri d’altezza, in acciaio cortèn) nel parco di sculture “Fiumara d’Arte”, a Motta d’Affermo (Messina) . Lo stesso anno si tiene a Padova la mostra Mauro Staccioli - Lo spazio nudo, personale organizzata dalla galleria Fioretto , che coinvolge, oltre alla galleria, alcuni luoghi  chiave del centro storico, dal Caffè Pedrocchi  all’oratorio di San Rocco, ai Musei Civici agli Eremitani.
Nel 2011 al Parco archeologico di Scolacium e al MARCA di Catanzaro si tiene la mostra Mauro Staccioli. Cerchio Imperfetto , e lo stesso anno la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma acquisisce e installa una nuova scultura ambientale di Staccioli - un anello di 10 metri di diametro - davanti alla sua celebre scalinata d’ingresso. Il 2012 si apre con la collocazione dell’opera Cerchio imperfetto nel giardino interno dell’Università Bocconi di Milano. In febbraio la Galleria Il Ponte di Firenze e la Galleria Niccoli di Parma inaugurano due mostre che rileggono i primi quindici anni di lavoro dell’artista, pubblicando il volume monografico Mauro Staccioli. Gli anni di cemento 1968-1982. Lo stesso anno,  una personale alla Galleria Invernizzi di Milano esplora nuove prospettive di ricerca, che trovano piena espressione nella partecipazione alla Biennale di Scultura di Racconigi nel 2013.
 Mauro Staccioli è  membro associato dell’Académie Royale des Sciences, des Lettres et des Beaux-arts de Belgique e Accademico Nazionale di San Luca.       
Vive e lavora attualmente tra Milano e Volterra.  
 

Sul margine
 17/12/2020  al 11/02/2021

La galleria A arte Invernizzi inaugura giovedì 17 dicembre 2020 dalle ore 16 alle ore 20.30 la mostra Sul margine in cui sono presentati collages,…

Mostre   Pittura
Mauro Staccioli "Lo spazio segnato"
 11/05/2018  al 27/07/2018

La galleria Il Ponte presenta una mostra monografica dedicata allo scultore Mauro Staccioli. Lo  spazio sarà allestito con alcune opere dal…

Mostre   
Ferro e Fuoco
 19/03/2016  al 30/04/2016

Autori: Giacinto Cerone, Alex Corno, Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Eliseo Mattiacci, Aldo Mondino, Gianni Piacentino, Mauro Staccioli,…

Mostre   
Il tempo delle pause
 22/09/2015  al 22/10/2015

MARIA CILENA CONTEMPORARY ART si racconta attraverso gli artisti che l'hanno abitata dal 1989 ad oggi in un labirintico collettivo che metterà…

Mostre