15/01/2015  al 28/02/2015

Giuseppe Maraniello. Attratti

A cura di: Testi di Tommaso Trini.

Giuseppe Maraniello. Attratti
A distanza di quasi trent’anni dall’ultima mostra allo Studio Marconi, la Fondazione Marconi presenta un’antologica di Giuseppe Maraniello con opere comprese tra la fine degli anni Settanta e i giorni nostri. 
Giuseppe Maraniello, napoletano per nascita e formazione, si trasferisce a Milano dal 1971 dove dà inizio a un’intensa attività espositiva. Esordisce in un’epoca di sperimentazione dell’uso di fotografia e video ma decide presto di ricercare nuovi orizzonti, dedicandosi al recupero della pittura e ai linguaggi tradizionali dell’arte. L’influsso delle esperienze poveristiche e concettuali degli anni Sessanta diventa per lui il punto di partenza per affermare una maggiore libertà espressiva. Attento e sensibile protagonista dell’arte contemporanea, l’artista volge la sua vis creativa al recupero di miti e forme ancestrali, reinterpretati e tradotti nel linguaggio plastico della contemporaneità. 
Sin dagli inizi negli anni Settanta l’itinerario artistico di Maraniello, in bilico tra pittura e scultura, si confronta dunque con la classicità, una sfida che lo induce a valutare la possibilità di una dimensione temporale e a intraprendere scelte formali ben precise. Il fascino delle sue opere deriva dal loro essere pitture e sculture al tempo stesso e dal combinare, in una magica coincidenza, imprendibili coppie dialettiche come arcaico e moderno, maschile e femminile, colore e forma, superficie e volume, pieni e vuoti. 
Attraverso gli elementi del colore e della forma, del racconto e dell’astrazione, dell’equilibrio e del disequilibrio, l’artista compone un suo personale universo di figuralità, di creature ironiche, ludiche e simboliche. Patine e cromatismi, riflessi chiaroscurali ed equilibri plastici vengono da lui sapientemente distillati in un nuovo e consapevole vocabolario iconografico, con lo sguardo sempre rivolto all’interno del corpo scultoreo e della sua memoria. 
Il percorso espositivo nelle sale della Fondazione Marconi, recentemente rinnovate, consentirà una ricognizione su oltre trent’anni di carriera di Giuseppe Maraniello. 
Accompagnerà la mostra un catalogo edito da Cambi Editore con testi di Tommaso Trini. 
Completa la mostra una selezione di sculture in bronzo, esposte allo Studio Marconi ’65 di via Tadino 17. 

Luoghi

  • Fondazione Marconi Arte moderna e contemporanea - Via Tadino, 15 - Milano
             02 29419232    02 29417278

    orario: mar-sab 10-13 e 15-19

  • Categorie correlate